Le particelle CI e NE

Impariamo l'italiano
Le particelle CI e NE

Completa le frasi con le particelle CI e NE

  1. Aveva ritrovato il sarago; anzi: due! Già lui mirava quando vide tutta una squadra navigare tranquilla alla sinistra, ed a destra brillare un altro branco.
  2. Ma intanto agli angoli degli occhi e sotto le palpebre era come si gonfiasse una bolla di lagrime e l'occhio subito traboccava.
  3. Trovarono vicino a una cunetta una carriola. Giovannino la prese per le staffe e la spinse innanzi: aveva un cigolo, a ogni giro di ruota, come un fischio. Serenella si sedette sopra e avanzavano zitti, Giovannino spingendo la carriola con lei sopra, fiancheggiando le aiole ed i giochi d'acqua.
  4. In quegli anni la montagna era piena di camosci; al mattino scendevano alle pietre dove i pastori spargevano il sale per le bestie, e si poteva far la posta.
  5. Ora Zeffirino armeggiava tra gli scogli: i polpi! aveva scoperto una colonia appiattata al piede di un masso.
  6. E in mezzo a questo spiazzo s'apriva un grande rettangolo vuoto: una piscina. raggiunsero i margini: era a piastrelle azzurre, ricolma d'acqua chiara fino all'orlo.
  7. Allora inventarono un gioco bellissimo: battaglia con le alghe. Se tirarono manciate in faccia uno con l'altra fino a sera.
  8. Certe sere Airoldi scappava ai compagni e alle sue donne e si faceva tutta la strada a piedi fino al paese per bere e far bravate con gli operai della diga, coi militi e con le donne loro. Finché non fu una questione di pugni e fiaschi rotti con quel pastore giovane.
  9. Prese un bastone lungo e diritto, appese la mantellina, e sopra il cappello, e lo piantò ben in vista sulle pietre della cresta.
  10. Per fare una carica di cavalleria voleva anche la tromba, e Giovannino allora strappò una guaina alla sua canna, la tese tra le mani giunte e soffiò facendola vibrare in un aspro sibilo.
    Italo Calvino. I racconti