Esercizio di competenza linguistica

Impariamo l'italiano
Prova di competenza linguistica

Completate il testo con le parole mancanti


SENZA FRETTA VERSO L’ETÀ ADULTA

Per un quarto di secolo gli studiosi italiani hanno come un calzino i comportamenti riproduttivi delle donne e delle coppie, interrogandosi sulle mille ragioni del basso numero di figli nel nostro Paese. Un altro del complesso puzzle è stato aggiunto con una recente indagine sul «diventare padri». Un che gli uomini italiani festeggiano sempre più tardi: la prima nascita arriva in media verso i 35 anni, assai più in là di quanto non avvenga negli altri paesi europei. E più tardi arriva il primo nato, meno figli si al mondo. In parte questo è dovuto al fatto che i padri “tardivi” antepongono la propria professionale ed economica alla formazione della famiglia e della discendenza. Ma in parte il molto attendere prima di la paternità è la conseguenza del protrarsi del cammino verso l’età adulta, e del venir meno degli impulsi spontanei e poco razionali propri delle età più giovani.

Aspetti ben noti, si dirà. Come ben noto è il fatto che i giovani compiono il percorso di transizione età adulta passo dopo passo - studio, lavoro, uscita dalla casa dei genitori, matrimonio, figli - e che ogni passo prende loro più tempo di quanto non ne trent’anni fa ai loro genitori. Questa constatazione non deve indurre a giudizi moralistici, ma a cercare di le cause della lentezza della transizione. I nostri giovani hanno tassi di occupazione più bassi dei loro coetanei europei e il loro benessere - certamente non inferiore a quello dei giovani di altri Paesi - è dalla famiglia. Poco guadagno significa poca autonomia e poca autonomia significa poco potere. Si usa dire che occorre investire sui giovani che sono, oggi, rara. Ma più che investire, occorre «potenziare» i giovani - metterli in , cioè, di contare e di decidere - nel lavoro, nella vita sociale, in quella politica, nelle scelte familiari e riproduttive.
Massimo Livi Bacci