Il condizionale

Impariamo l'italiano
Il condizionale

Completa le frasi con le forme del condizionale presente o del condizionale passato
  1. L'otto settembre mi colse del tutto impreparato. Avevo ragioni fondate di credere che i fascisti mi (arrestare).
  2. Io cercai di consolarla dicendogli le solite cose che anch'io ormai sapevo che non erano vere: che a Roma c'era il Papa, che i tedeschi (vincere) presto la guerra, che non c'era d'aver paura.
  3. E poi, potrei giurarlo, mi disse che se io lo portavo in camera da letto e gli aprivo le gambe, lui mi (dare) del denaro.
  4. Mi ero accorta che non avevo protestato per quella frase poco rispettosa, mentre ancora alcuni giorni prima (rimbeccarlo) aspramente.
  5. Ero convinta, è vero, che gli inglesi (venire) al più presto.
  6. Mi consolavo pensando a Rosetta che, almeno, ci aveva sua madre a proteggerla. Lei almeno (essere) quello che ormai io non ero più.
  7. Mi sentivo qualche volta quasi diventar pazza; e se non ci fosse stata Rosetta, alla quale come madre dovevo dare l'esempio, non so che (fare): (precipitarsi) fuori urlando.
  8. Alla fine, disperata, gli dissi che gli (comprare) una forma di cacio pecorino, però lui doveva fare un prezzo più basso.
  9. Mi si gelò il sangue a queste parole: se portavano via Rosetta, in mezzo alla guerra, chissà che cosa poteva succedere, chissà quando (rivederla).
  10. Clorindo, intanto, faceva capire che, anche quando gli alleati avessero preso Roma, questo non (volere) dire che noi (partire) da Fondi.
    Alberto Moravia. La Ciociara.

    Ti può interessare: Formazione del periodo ipotetico