Imperfetto e passato prossimo

Impariamo l'italiano
Indicativo imperfetto e passato prossimo

Completate le frasi con il tempo giusto (passato prossimo o imperfetto)
Un pappagallo (scappare) di casa: (succedere) cinque giorni fa a Milano. I proprietari, il signor Mario e sua moglie Rosa, sono disperati. Il signor Mario ci parla di lui: “Si chiama Ugo, è verde, ma non so di che razza sia. Per noi è come un terzo figlio. Era dei miei zii. Quando (morire) io e mia moglie (decidere) di prenderlo: da quel momento (abitare) sempre con noi, per sette anni. Non (parlare, lui) molto, (sapere) ripetere solo due parole: Ugo, il suo nome, e Rosa, il nome di mia moglie. Di solito, in casa lo (lasciare, noi) libero. Giovedì scorso, per un colpo d’aria, la finestra (aprirsi) e lui (volare) via. Era impossibile non volergli bene: (mettersi) sulla mia spalla e mi (dare) i bacini.”

Mario e Rosa sono decisi a ritrovare il loro pappagallo. Così (preparare) un cartello: “Lauta mancia a chi trova pappagallo”, (fare) 200 fotocopie e le (mettere) in tutta la zona.

Finalmente, sabato (ricevere) qualche telefonata: due persone lo (vedere) in Via Varese. Quindi deve essere ancora in zona: allora basta andare lì e urlare: “Ugooooooo...”

Ti può interessare: Utilizzo del passato prossimo :: Utilizzo del passato remoto