Passato remoto

Impariamo l'italiano
Il passato remoto

Completa le frasi con il passato remoto dei verbi indicati
alla prima persona del singolare
  1. Non (VEDERE) abbazia più bella e mirabilmente orientata, anche se in seguito (CONOSCERE) San Gallo, e Cluny, e Fontenay, e altre ancora, forse più grandi ma meno proporzionate.
  2. Ma (ASSUMERE) come un segno soprannaturale, non so ancora se celeste o diabolico, quella circostanza, e (PIEGARSI) a leggere avidamente lo scritto.
  3. (AVVERTIRE) che non capiva il mio latino e d'istinto (RIVOLGERSI) a lei nel mio volgare tedesco, e questo la spaventò moltissimo.
  4. (DOVERE) per ben due volte arrestare il mio impeto, perché il vento che quella sera penetrava dalle feritoie, creava correnti che, insinuandosi in quei meati, percorrevano gemendo le stanze, alitando sui fogli sparsi sui tavoli, e dovevo proteggere la fiamma con la mano.
  5. Quel giorno non (TRATTENERSI) dall'interrogarlo ancora sul fatto del cavallo.
  6. Io avevo fame e (ACCOGLIERE) con sollievo l'idea di andare a mensa.
  7. (RIAVERSI) che qualcuno mi bagnava il volto. Era frate Guglielmo, che recava un lume, e mi aveva messo qualcosa sotto il capo.
    Umberto Eco. Il nome della rosa.


    Ti può interessare: Utilizzo del passato prossimo :: I participi passati irregolari