Il racconto al passato

Impariamo l'italiano
Racconto al passato

Completa il testo con i verbi all'indicativo imperfetto, congiuntivo imperfetto o passato remoto


A me quel discorso non (dispiacere). Cosí sotto quel sole, sugli scalini della chiesa, da quanto tempo non sentivo piú la voce di un prete dir la sua. E pensare che da ragazzo quando la Virgilia ci (portare) a messa, (credere) che la voce del prete (essere) qualcosa come il tuono, come il cielo, come le stagioni - che (servire) alle campagne, ai raccolti, alla salute dei vivi e dei morti. Adesso (accorgersi, io) che i morti (servire) a lui. Non bisogna invecchiare né conoscere il mondo.

Chi non apprezzava il discorso fu Nuto. Sulla piazza qualcuno dei suoi gli (strizzare) l'occhio, gli (borbottare) al volo una paroletta. E Nuto (scalpitare), (soffrire). Trattandosi di morti, sia pure neri, sia pure ben morti, non (potere) far altro. Coi morti i preti hanno sempre ragione.
Cesare Pavese. La luna e il falò