Trapassato prossimo

Impariamo l'italiano
Trapassato prossimo

Completa il testo con l'imperfetto o con il trapassato prossimo dei verbi indicati
Carla capì che i genitori stavano per litigare. Nel preciso istante in cui entrò in cucina l’ostilità fra loro la investì come il vento gelido e penetrante che a febbraio le strade di Berlino prima di una bufera di neve. Fu tentata di girarsi e andarsene.
Non (accadere) spesso che discutessero. In genere (mostrarsi) molto affettuosi tra loro... anche troppo. Carla (provare) un profondo imbarazzo quando (baciarsi, loro) davanti ad altre persone. I suoi amici lo (trovare) strano, perché i loro genitori non (essere) altrettanto espansivi. Una volta lo (dire) alla mamma, che (mettersi) a ridere compiaciuta. “Il giorno dopo il matrimonio tuo padre e io fummo costretti a separarci a causa della Grande Guerra” (spiegare). Era inglese di nascita, anche se non lo si sarebbe detto. “Io rimasi a Londra, mentre lui dovette tornare a casa, in Germania, per arruolarsi.” Carla (sentire) tante volte quella storia, che la mamma (amare) ripetere. “ (essere) convinti che la guerra sarebbe durata tre mesi, invece lo rividi soltanto cinque anni dopo. Per tutto quel tempo non desiderai altro che stringerlo a me, per cui adesso non me ne stanco mai.”
Ken Follett. L'inverno del mondo